La mia valle

La mia valle“…quella di Luigi Tenco

per ascoltarla clicca sul titolo

un viaggio nell’ Isola in collina

Se un giorno tu
verrai via con me
amore mio
andremo insieme a vivere là
nella mia valle
dove ho imparato ad amare il sole
perché fa crescere l’erba nei prati
dove ho imparato ad amare la pioggia
perché fa crescere l’acqua nei pozzi.

fotocronaca di  luoghi  e contenuti tenchiani

visti dagli amici di B-ventuno

19 luglio 2008

ore 11.30 Io, Balans, Fausto, Bruno e Rino arriviamo a Cassine, luogo di nascita di Luigi Tenco e ci avviciniamo al portone della vecchia casa ora ristrutturata

 

 

 

Quella che vedete nella foto qui sopra è il retro della casa nativa di Luigi Tenco, questo edificio fu completamente ristrutturato nel 2007. Nel 1938 questa casa era anche la sede dell’azienda vinicola del Commendator Giovanni Zoccola, zio materno di Luigi. Dalle ricerche di Balans risulta che la casa fu venduta dagli Zoccola dopo la crisi dell’imbottigliamento.

A poca distanza dal cortiletto aperto, che compare nella foto, è sorto un minimarket dove Balans tempo fa ha  incontrato  un parente di Luigi che gli  ha confermato che questa è proprio la casa dove il 21-03-1938 nacque Luigi Domenico Tenco, uno dei massimi esponenti della cultura italiana del secolo scorso.


Cassine
passeggiando lungo la via dove nacque Luigi Tenco

Se un giorno tu
verrai via con me
amore mio
andremo insieme a vivere là
nella mia valle
dove la gente lavora i campi
dalla mattina sino alla sera
senza problemi per il vestire
e con la barba sempre da fare.

 ore 12. Il viaggio prosegue poi per  Maranzana

il luogo dove è sepolto Valentino Tenco, fratello maggiore di Luigi. Casualmente incontriamo, quasi per magia, la cugina di Luigi la quale è contenta di parlare con noi di lui. Al termine della conversazione le regalo un calendario dedicato a Luigi con la promessa di rivederci quanto prima.

Il cortile dove viveva la famiglia Tenco

 Subito dopo andiamo a  pranzo a Cassine

presso il ristorante Passeggeri in corso Marconi 14

io, Balans e Fausto  decidiamo di indossare le magliette con i miei disegni dedicati a Luigi…

ore 15.30. Dopo pranzo ci dirigiamo verso

  Ricaldone

per lasciare un saluto a Luigi

Se un giorno tu
verrai via con me
amore mio
andremo insieme a vivere là
nella mia valle
e se quel giorno tu non verrai
io dovrò piangere ma andrò da solo
perché se un giorno dovrò morire
voglio morire nella mia valle.

( Più tardi anche Massimo lascerà la sua firma sui nostri fogli)

Subito dopo facciamo visita al Museo documentale su Luigi Tenco

 

dove viene proiettato il film “La cuccagna”
( il film in versione integrale è stato portato da Massimo e dal forum B21)

Ore 18, ci rechiamo al Centro documentale Luigi Tenco – sala convegni  dove assistiamo alla
Presentazione della FIOFA (Federazione italiana organizzatori festival d’autore). Con Enrica Corsi, Gaetano D’Aponte, Mauro Gagino, Anna Graziani, Francesco Paracchini.


“Tenconte. Luigi Tenco e Paolo Conte, due piemontesi nella canzone d’autore”. Con Avion Travel, Enrico de Angelis, Rosa Di Brigida, Gioachino Lanotte. Presentazioni di “Danson metropoli – Canzoni di Paolo Conte”, cd degli Avion Travel e di “Il mio posto nel mondo. Luigi Tenco, cantautore. Ricordi, appunti, frammenti”, volume del Club Tenco a cura di Enrico de Angelis, Enrico Deregibus, Sergio Secondiano Sacchi (BUR). Proiezione del video-arte di Rosa Di Brigida: “La risata di Tenco” .

(Per chi volesse ascoltare l’audio della presentazione  può farlo collegandosi qui 

cliccare col tasto destro -> salva oggetto con nome



La mia valle from ilmioregno on Vimeo.

Gioacchino Lanotte canta La mia valle

Ore 21, Piazzale della Cantina sociale
Ettore Giuradei
L’Aura
Avion Travel

Due momenti del concerto. In alto gli Avion Travel.

Nel video L’Aura canta ” Angela” di Luigi Tenco


20 luglio verso Venezia

Il nostro viaggio prosegue per Venezia, sede del primo Club Luigi Tenco

 

Prendiamo il battello  e arriviamo a Piazza San Marco

Dopo un rapido giro prendiamo il battello per il Lido di Venezia

e finalmente arriviamo alla sede del Club Luigi Tenco di Venezia

Il Club Luigi Tenco di Venezia fu fondato nel 1967 da Ornella Benedetti,  per noi la “madre” di tutti i tenchiani. Ornella rappresentò un riferimento importante per tutti i giovani appassionati di Luigi Tenco dell’epoca. Grazie a lei molti giovani confluirono nel suo Club e fecero in modo che Luigi non venisse dimenticato.  Uno dei modi utilizzato dai ragazzi di Ornella fu quello di  sollecitare i programmisti affinché passassero le canzoni di Tenco per radio. Oppure quando un programmista inseriva una canzone di Tenco in radio di suo, subito i fans del club  mandavano valanghe di ringraziamenti, bigliettini, complimenti, di modo che fosse incitato a ripetere la cosa.

 

Per sapere qualcosa di più  leggete quest’ intervista a Enrico de Angelis c he racconta com’è nato il Club Luigi Tenco di Venezia e di conseguenza il Club Tenco di Sanremo del quale lui fa parte.( fonte: La brigata Lolli)

Ma se volete approfondire maggiormente ciò che fecero Ornella e i ragazzi del Club Luigi Tenco di Venezia  leggete queste pagine che potete trovare all’interno del  sito di Massimo Ciaponi.  (fonte: Il mio regno).

Per concludere leggete l’omaggio a Ornella scritto da Fausto sul suo blog La mia valle.


 E con queste immagini  di “luoghi e contenuti tenchiani” auguro a tutti voi

Buone vacanze.

Fonti:

Grazie a Massimo per aver concesso l’ascolto della canzone ” La mia valle” cantata da Luigi Tenco e del video dove la stessa canzone viene cantata da Gioacchino Lanotte.

Ringrazio inoltre Fausto per avermi concesso l’utilizzo della foto della valle e del video dove canta L’Aura.

Infine un ringraziamento a Balans per le informazioni sull’abitazione nativa di Luigi Tenco e agli amici Bruno e Rino che ci hanno accompagnato fisicamente e spiritualmente in questo viaggio tenchiano.

17 thoughts on “La mia valle

  1. Grazie Gulliveriana, immagini incantevoli e parole bellissime che sanno esprimere perfettamente quanto Tenco sia ancora amato da tutti noi.

    Un reportage … emozionante, non sai quanto mi è dispiaciuto non poter esserci.

    ciao e buone vacanze

  2. Grazie anche da parte mia. Non solo per queste magnifiche foto, ma anche per l’intelligenza e la sensibilita’ con cui porti avanti il blog. Il suicidio di Tenco, l’assasinio di Pasolini o il precipizio alcolico di Ciampi hanno prodotto ferite che forse non si rimargineranno mai. A noi sta trasformare questo dolore in serenita’ e fare in modo che la loro poesia non vada perduta.

  3. alderaban Ti ringrazio. Anche questo reportage è un omaggio a Luigi Tenco.

    Un caro saluto. Vado finalmente in vacanza.

    mississippi Grazie a te per l’attenzione. In questo blog troverai sempre qualcosa che dia risalto ad artisti e intellettuali come coloro che citi. Se sei interessato ad approfondire il mio e il lavoro dei miei amici “tenchiani”, ti invito a leggere e vedere discussioni, video e foto pubblicate sul forum http://binario21.forumup.it/ .

    Un caro saluto a presto

    stefanomassa Grazieee. Buone vacanze anche a te!!!

  4. Wow!

    Ma cosa vedono i miei occhi.

    Bellissimo reportage. Sappiti invidiata, mia cara (la conferenza su Tenco e Conte metteva insieme due artisti che noi tutti amiamo eh). Buone vacanzeee e a prestooo :)

  5. latendarossa Eh eh eh lo credo bene che mi sento invidiata…soprattutto da un “contiano” come te…sono sicura che il concerto degli Avion Travel ti sarebbe piaciuto.

    Grazie e buone vacanze anche a te!

  6. Sono state giornate molto belle e intense, egregiamente raccontate, lasciando spazio più alle immagini che al racconto.

    Che bello esser Tenchiani! :)

  7. Grazie Gully!! Sono orgoglioso di aver contribuito, con informazioni, foto…, oltre che come autista, alla buona riuscita dello splendido tour nei luoghi “tenchiani”. Colgo l’occasione del bel servizio proposto da Gully per ringraziare anche gli amici Bruno e Rino che con il loro impegno hanno permesso la buona riuscita del tour. Ciao a tutti e buone vacanze. Balans

  8. Complimenti per la bella amicizia che vi lega, nel nome di Luigi, di cui ho preso atto incrociando (casualmente) la vostra vacanza e per il resoconto puntuale e ricco di notizie.

  9. versione integrale de La cuccagna?Non sapevo fosse stato tagliato.

    bel post,un viaggio fisico e artistico nel segno di un grande autore

    ps:ultimamente in tv,vedo sardegna 1,canale locale chiaramente.Così mi informo un po’ sulla tua bellissima terra

  10. SaR Credo sia importante conoscere anche questi luoghi per chi si avvicina alla sua musica e alle sue canzoni. Cari saluti anche a te!

    Fausto Si è vero,ho preferito lasciare spazio alle immagini che alle mie parole. Talvolta le immagini parlano più di mille parole.

    Condivido: che bello essere tenchiani… ma un giorno vorrei approfondire qui sul mio blog cosa significa essere tenchiani per molti di noi. Mi piacerebbe sapere che differenza c’è tra chi lo ha conosciuto prima che morisse da chi lo ha conosciuto dopo.

    Balans Ed io sono contenta di aver fatto questo splendido tour. Naturalmente ringrazio anche Bruno e Rino per la loro presenza e la buona riuscita del tour.

    ilmioregno Casualmente? Pensavo che l’amicizia legasse anche te visto che ci siamo trovatia Ricaldone, dove abbiamo conosciuto tutti insieme un caro amico di Gigi… :) ). Grazie anche a te per la buona riuscita del tour…

    Viga Ehm, forse non mi sono espressa bene… per versione integrale intendevo dire senza pubblicità.

    Un caro saluto anche a te!

    Ps

    spero che su sardegna 1 trovi notizie interessanti

  11. Bellissimo post il tuo. A Ricaldone come già sai io ci sono andata a fine luglio e fuori dalla manifestazione. Grandi artisti quelli che hanno cantato ma io sono sempre più convinta che Tenco andrebbe ricordato con la semplicità che l’ha sempre contraddistinto dal resto. Troppe luci su quel palco come su quello del Tenco di sanremo dove si esibiscono artisti che con Luigi nulla centrano. Dove con il nome di Luigi si riempono le tasche i discografici che mandano avanti spesso chi delle voce e delle parole non sa fare nessuna ” musica”. Sono convinta che tu hai compreso le mie parole.

    Un abbraccio.

  12. Biancapazienza Ho compreso bene le tue parole e le condivido in pieno.

    Grazie e un abbraccio anche a te

    mauropucci Hai detto bene: un viaggio alla ricerca di un amico. Grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>