Guarda se io

Guarda se io , olio su tela di Maria Vittoria Conconi, 2012

Guarda se io dovevo

innamorarmi proprio di te,

di te cosi lontana

dal mio mondo di tutti i giorni,

di te cosi diversa

da me, della mia vita,

guarda se io dovevo

innamorarmi di te…

 

La Ballata dell’amore

La Ballata dell’Amore, olio su tela di Maria Vittoria Conconi, 2012

Amore, amore, amore, amore, amore …
su questo Amore è gia stato detto tutto
eppure tutti hanno ancora da dire
chi parlando del cuore
chi con parole nuove.

 

In qualche parte del mondo, il video del cd.

Paolo Zicconi rende omaggio al grande Luigi Tenco con un CD dal titolo

“In qualche parte del mondo”.

Ironia e malinconia: Tenco secondo Zicconi

Sassari, successo al teatro Ferroviario per il concerto di presentazione del disco “In qualche parte del mondo”

di Pasquale Porcu

SASSARI. Eccolo l’altro Luigi Tenco: ironico, attento ai temi sociali e non solo ai drammi esistenziali. Lo ha mostrato al pubblico del teatro Ferroviario, l’altra sera, Paolo Zicconi, cantante lirico con la passione per la canzone d’autore. È Tenco, da sempre, che stimola l’interesse del cantante algherese. Un interesse che lo ha portato a realizzare un progetto che oltre a iniziative e seminari di studio con l’associazione Materia Grigia di Sassari, ha permesso, dopo una lunga gestazione, di realizzare (con la benedizione della famiglia Tenco) un bel Cd dal titolo “Da qualche parte del mondo”.

C’era il teatro pieno, l’altra sera, a sentire il concerto di Zicconi e del gruppo musicale che lo ha accompagnato, una band di bravissimi professionisti formata da Marcello Peghin alle chitarre, Paolo Zuddas alla batteria, Salvatore Maltana al contrabbasso e basso elettrico, Emanuele Dau alla tromba e flicorno ed Mariano Tedde alle tastiere. Musicisti con una impostazione prevalentemente jazzistica, perfettamente in linea, dunque, con le origini musicali di Tenco.

Al centro del palco, con un bel disegno di luci, c’è Paolo Zicconi che presenta i brani e racconta il mondo di Tenco. Note e pittura. Esattamente come nel progetto che Zicconi ha cercato di ricomporre con questa operazione, coinvolgendo la pittrice Maria Vittoria Conconi. Dell’artista animatrice dell’associazione Materia Grigia erano i quadri esposti nel foyer del teatro e quelli riprodotti nel libretto che accompagna il disco presentato l’altra sera.

Progetto ardito, quello di Zicconi, anche perché non è semplice addentrarsi nel ricco e complesso universo musicale del compositore che si suicidò nel 1967 durante il festival di Sanremo (in circostanze mai definitivamente chiarite).

Ed è stato un criterio di tipo antologico quello che ha ispirato Zicconi in questo progetto. Il cantante algherese sia nel Cd che nel concerto ha costruito una scaletta che mostra aspetti inediti e per certi versi perfino inattesi della produzione tenchiana. Ecco, allora brani come la “Ballata della moda” in cui Tenco prende in giro i cinici strateghi del marketing che impongono nuovi gusti e nuovi prodotti agli ignari consumatori. Ed ecco anche la satira sulle bustarelle e i piccoli imbrogli all’italiana descritti nella “Ballata della vita sociale”. Un approccio innovatore quello fatto a suo tempo dal cantautore (nato a Cassine in provincia di Alessandria, ma diventato ligure a tutti gli effetti) che anticipa forme sviluppate in seguito nella canzone-teatro di autori come Gaber. Ma Tenco è stato anche un innovatore nel campo del rock , come dimostrano brani come ” Se sapessi come fai”. Tutti i brani che Zicconi interpreta in modo appassionato, sorretto da un accompagnamento musicale di grande qualità. Ma, inutile negarlo, la cifra espressiva più congeniale a Tenco (e anche a Zicconi) è quella che meglio ha caratterizzato la vena tenchiana, quella dolce, straziata malinconia che colloca quei testi nell’universo della migliore poesia. E’ in quell’universo che si muove Zicconi mostrando doti interpretative notevoli e che il pubblico del teatro ha apprezzato, sottolineando i diversi passaggi con applausi sinceri. Ci riferiamo a brani come “Lontano lontano” o “ Se sapessi come fai” o “Il tempo passò” e “Mi sono innamorato di te”: struggenti melodia di intenso lirismo che Paolo Zicconi, l’altra sera, ha saputo far rivivere e regalarci.

 

Io sì

IO SI

Io si, 2010  olio su tela di Maria Vittoria Conconi 

foto di Barbara Sangaino

matita di Maria Vittoria Conconi, 2010
disegno preparatorio per dipinto ad olio

Tutti i diritti riservati. Tutte le opere presenti su questo album appartengono a Maria Vittoria Conconi. L’autore ne consente l’uso previa citazione, esclusivamente per iniziative culturali che non abbiano scopo di lucro. 

 
“Io sì, 

che t’avrei fatto vivere

una vita di sogni

che con lui non puoi vivere.”

Luigi Tenco

Periodo Ricordi 

Un giorno dopo l’altro

Un giorno dopo l’altro…

21 marzo 1938 – 21 marzo 2011
73° anniversario nascita di LUIGI TENCO


Luigi Tenco, matita di MVC/Gulliveriana©, 2010

Tutti i diritti riservati.
Tutte le opere presenti su questo blog  appartengono a Maria Vittoria Conconi. L’autore ne consente l’uso previa citazione, esclusivamente per iniziative culturali che non abbiano scopo di lucro.
http://www.mariavittoriaconconi.it/index.php?view=article&catid=33%3Aopere&id=77%3Aluigi-tenco&option=com_content&Itemid=77

Il mio regno e le fatine

Dedicato a tutte le fatine e le regine de
“Il mio regno”
Luigi Tenco, 1961

 

La fatina, omaggio a Luigi Tenco olio su tela di MVC/Gulliveriana©, 2010 

foto di Barbara Sangaino
video realizzato da  Fausto Carotenuto 

Tutti i diritti riservati.
Tutte le opere presenti su questo blog  appartengono a Maria Vittoria Conconi. L’autore ne consente l’uso previa citazione, esclusivamente per iniziative culturali che non abbiano scopo di lucro.

 

La voce di Ada Montellanico per Luigi Tenco e… un’ospite a sorpresa…Patrizia Tenco.

 La voce di Ada Montellanico  per Luigi Tenco e… un’ospite a sorpresa…

La nuova sardegna, 30 maggio 2010

Sassari – Si è conclusa venerdì tra musica, riflessioni e racconti la rassegna “La forza delle parole” incentrata sull’opera di Luigi Tenco e organizzata al teatro il Ferroviario dall’Associazione Materia Grigia con la collaborazione della Compagnia La Botte e Il Cilindro, Ersu e Libreria Koinè.

Dopo gli interventi di Maria Vittoria Conconi, Paolo Zicconi, Renzo Zannardi, ed Erri De Luca nell’ultima serata della manifestazione intitolata “Quasi sera. Una storia di Tenco” a parlare della poetica e della musica del cantautore genovese è stata una delle più apprezzate interpreti della scena jazz internazionale Ada Montellanico. La cantante e compositrice con sensibilità e originalità ha incontrato Tenco diverse volte nei suoi lavori pubblicando gli album: “L’altro Tenco”, “Ma l’amore no”, e “Danza di una ninfa”, realizzato nel 2005 insieme ad Enrico Pieranunzi. Montellanico, accompagnata al piano da Giovanni Agostino Frassetto ha eseguito diversi brani appartenenti al territorio meno noto di Tenco come “Il tempo passò”, “Ho capito che ti amo”, “Averti tra le braccia”. Grande l’emozione e l’entusiasmo del pubblico nel riascoltare parole e musica di Tenco attraverso la splendida voce della cantante impreziosita da arrangiamenti jazz estremi e dissonanti in una veste originale ma al tempo stesso così vicina all’anima più profonda del cantautore scomparso. Poesie e ritmi coinvolgenti dalla melodia intensa, a tratti stravolta, raccontano amori contesi e conflittuali, dissidi dell’anima, profonde estasi d’amore.

«Non voglio cantare le canzoni di Tenco scritte nel 1966 – dice Montellanico – l’anno in cui l’artista spinto dal desiderio di un successo ampio “tradì” per così dire il suo stile più originale. Questo deviamento di rotta fu un errore che lo portò verso il tragico epilogo di Sanremo. Preferisco invece ricordare Tenco reinterpetando le sue composizioni più raffinate e geniali quelle che fanno di lui un precursore assoluto un grande compositore dall’anima profondamente jazz».

Emozione palpabile fra il pubblico e lunghi applausi anche per un altro ospite a sorpresa, Patrizia Tenco, nipote del cantautore. «Ci tenevo particolarmente ad essere qui questa sera per dire grazie a chi ha lavorato a questo rassegna. La mia famiglia è stufa di sentir parlare ancora, dopo quarantadue anni dalla morte di Luigi, di nuove autopsie e riesumazioni, di misteri e gialli torbidi, di fori di entrata e fori di uscita. In questo teatro “La forza delle parole” ha messo in luce finalmente il racconto più vero, più autentico sulla vita e sul lavoro di Luigi Tenco, un lavoro e una vita su cui troppo spesso ancora si specula e si parla a sproposito».

fonte: sardies

 

Ritratto di Piero Ciampi

Ritratto di  Piero Ciampi
su Rivista trimestrale Re-volver n.4 pag.52

Per chi fosse interessato alla figura del grande artista livornese Piero Ciampi, consiglio di leggere l’articolo intitolato “Tu mi manchi molto. Piero Ciampi: apologia di un fallito”, a cura di Denis Biacchetti pubblicato nella rivista trimestrale Re-volver n.4 a pag.52

 


fonte: http://issuu.com/re-volver/docs/re-volver_n_04

Sull’intestazione è presente anche il mio ritratto di Piero Ciampi  e io vengo citata con il nick Gulliveriana.